Aprire un blog ai tempi del Coronavirus? 9 motivi per farlo adesso!

Aprire un blog ai tempi del Coronavirus

Perché decidere di aprire un blog ai tempi del Coronavirus?

Ci sono almeno 8 motivi per aprire un blog in questo periodo di reclusione per emergenza Coronavirus.
Non è troppo tardi. I blog non sono morti. Il blogging non è inutile, anzi è lo strumento imprescindibile per chi vuole avviare un progetto solido sul web.

Vita quotidiana ai tempi del Coronavirus

Dopo il Decreto del Governo Italiano dell’11 marzo 2020 #iorestoacasa, è possibile che la tua vita sia cambiata. Da uno stile di vita frenetico del tipo colazione – accompagnare i bimbi a scuola – lavoro – pranzo in ufficio – recuperare i bimbi – tornare a casa – pulire – cucinare – mangiare – scorrere il feed di Instagram, dormire e non avere mai un momento per te, sei passata ad alzarti alle dieci, vivere lentamente e non sapere più cosa fare del tuo tempo.

Dopo la prima fase di entusiasmo in cui ti sei dedicata alla cucina sana, ai lavoretti con i bimbi, alle grandi manovre per intrattenerli e alle pulizie di primavera, ti sei resa conto che i piccoli si stanno abituando e sono contenti comunque (i bimbi hanno una risorsa infinita di adattabilità) e che ormai il problema non sono loro ma sei tu.

Passi la maggior parte del tempo a telefono tra social e news e hai iniziato a sentirti vuota e inutile, come non ti era mai capitato finora.

Ti risuona?

Basta fare un passo indietro però, per ritrovare tutti quei sogni che avevi lasciato nel cassetto, di cui ti saresti occupata quando avresti avuto più tempo, ricordi?

Beh, ecco, quel tempo è arrivato.

E, se il tuo sogno era quello di aprire un blog, chiudi questo odioso cellulare e accendi il pc!

Anzi no, prendi prima carta e penna, un blog come si deve inizia sulla carta. Anzi su un Workbook.

Perché sto avviando il mio blog proprio ai tempi dei Coronavirus, mentre sono tutti sui social?

Visto che in questo periodo l’intrattenimento sui social è saturo e i miei contenuti si perderebbero nel marasma della follìa collettiva, ho pensato di sfruttare la pausa (degli altri) per avviare la mia strategia a lungo termine.

Sto meno connessa, non mi sorbisco tutte le fakesnews, non leggo lamentele e frasi retoriche, non mi associo all’esercito dei creator che in questo momento si sentono in dovere di sfornare almeno un contenuto al giorno.

Sono ancora piccola e ignota e posso restarlo per altre quattro settimane, senza che nessuno soffra per la mia assenza e senza che il mondo se ne accorga.

Intanto proseguo indisturbata nel mio grande piano per la conquista del mondo. Buahahah

Questo è il mio motivo, adesso vediamo quali potrebbero essere i tuoi ; )

Come nasce un blog di successo

Guardando dall’esterno i blog degli altri, specie quelli di successo, potresti pensare che sono stati avviati in un momento di calma e serenità, mentre tutto nella vita del blogger era a posto e le cose andavano talmente bene che… toh! Guarda! Per caso mi avanza del tempo, quasi quasi apro un blog.

Spiacente di deluderti, ma spesso è proprio il contrario.

Non ti parlo solo della mia personale esperienza di blogger compulsiva. Tutti i miei blog sono nati nei momenti di svolta della mia vita, quelli più difficili, quelli di crisi, e sono stati il grilletto di attivazione di un cambiamento.

Anche la maggior parte dei blog di successo che conosco, specie quelli proprio belli con un cuore che pulsa, sono stati avviati in un momento di crisi profonda, dopo una rottura sentimentale o la perdita di un lavoro, per evitare il burn out dopo la nascita di un figlio, per curare una depressione o per guarire dall’infelicità.

Se lo hai vissuto sulla tua pelle e lo hai superato o ci stai provando, riesci a raccontare per filo e per segno il problema che sta vivendo il tuo lettore e quindi lui non potrà fare a meno di immedesimarsi in te e di creare una relazione con te.

Aprire un Blog ai Tempi del Coronavirus

9 motivi per aprire un blog ai tempi del Coronavirus

1. Aprire un blog per sfruttare il tempo in più, evitando di sprecarlo a fare zapping digitale tra news e social

Se sei tra coloro che hanno la fortuna e il dovere sociale di restare a casa puoi approfittare del tempo in più che hai per avviare questo meraviglioso progetto che ti gira in testa da un po’.

2. Aprire un blog per fare Blogging Therapy

Scaricare la tensione, evitare di annoiarsi, non sentirsi sole, dedicandosi a un progetto che ti piace e ti soddisfa, condividendo il tuo sapere, le tue competenze e ciò che ti appassiona.
Se sei una mamma a tempo pieno, una donna rimasta senza lavoro, se non sei soddisfatta del lavoro che fai attualmente e vuoi vedere possibilità infinite là dove altri vedono soltanto disperazione ecco, aprire un blog ti salverà la vita. E’ stato così per me, quando ho aperto SonoBio.com, il mio blog principale, attualmente in stand by.

3. Aprire un blog per trovare nuove amiche

Se hai cambiato città e hai difficoltà a fare amicizia, se sei una persona riservata per la quale socializzare risulta difficile se non impossibile, se per un incidente o una malattia ti ritrovi e non poter più condividere con il tuo gruppo di amiche le stesse cose e gli stessi interessi e quindi ti ritrovi di colpo isolata, ecco, in tutti questi casi il blog può essere per te un valido aiuto e un incredibile sostegno.

4. Aprire un blog per mettersi in gioco e provarci

Se non riesci a trovare lavoro o il lavoro che fai non ti soddisfa, se hai delle competenze ma non riesci a sfruttarle e a renderle un vero e proprio lavoro, attraverso il blog potresti iniziare a condividere quello che sai con le persone che ne hanno bisogno. Potrebbe nascerne un lavoro oppure no. Questo dipende da te e non solo da te, ma in ogni caso la soddisfazione che potresti avere dal fatto stesso di esserti messa in gioco e averci provato vale davvero la pena.
Male che va, avrai imparato nuove competenze (e saranno tante, vedrai!) che potrebbero esserti utili in altri ambiti della vita.

5. Aprire un blog è un modo per rinascere

Se sei in una fase di cambiamento e vuoi abbandonare quella che eri e reinventarti di nuovo, aprire un blog che ti aiuti in questo percorso potrebbe essere fondamentale nella riuscita della tua missione e per la creazione della nuova te. Il blog è uno strumento di crescita personale strepitoso!

6. Aprire un blog per monetizzare la tua presenza online

Se hai già una presenza online e ti piacerebbe monetizzarla, avere uno spazio di proprietà conferirà attendibilità e autorevolezza al tuo messaggio, rafforzerà il tuo brand e ti eviterà il rischio di rimanere con un pugno di mosche in mano nel caso in cui uno di questi giorni Facebook/Instagram decida di chiuderti l’account per qualche misteriosa ragione. Purtroppo succede!

7. Aprire un blog (o più di uno) per creare una rendita passiva

La questione delle rendite passive create attraverso i blog va un po’ spiegata, perché c’è un processo che bisogna mettere in atto per arrivare a generare le rendite passive, un processo che va alimentato continuamente. Una volta avviato il processo certo potrebbe anche essere possibile vivere di rendita per qualche mese, ma a un certo punto bisogna tornare a rinvigorire il fuoco, se si vuole continuare a monetizzare. Nonostante tutto avviare per esempio un affiliate site è una fantastica idea, se hai le idee chiare, non ti fai illusioni e ti rendi conto della mole di lavoro che l’avvio di un progetto del genere richiede. E, se questo tipo di blog ti interessa e vuoi saperne di più, contattami pure con messaggio privato, sarò felice di darti qualche dritta.

8. Aprire un blog per creare il tuo brand

Se hai un’attività in proprio o gestisci un’azienda sappi che oggi il tuo biglietto da visita è il blog. Se non sei su internet con uno spazio di tua proprietà ben curato e aggiornato (quindi possibilmente non un sito statico) è come se non esistessi, quindi se non l’hai già fatto prenditi ora il tempo per avviare il tuo blog, anche se parti da zero e finora non ti eri mai posta il problema.

9. Aprire un blog per crescere

Aprire un blog è uno dei migliori strumenti di crescita personale che conosco. Se hai un blog, ti senti in qualche modo spinta ogni giorno a farti nuove domande e a darti nuove risposte, a guardare il mondo attraverso filtri diversi, per poi raccontare le tue scoperte e proporre una visione più ampia della realtà.

Approfittare del caos per trovare il coraggio di buttarsi nella mischia

Se stai pensando di aprire un blog e sei sopraffatta da dubbi e paure, sappi che questo è del tutto normale.

Siamo tutti spaventati dalle cose nuove e dai cambiamenti e certo avviare un blog non è un cambiamento da nulla.

Gestire un blog richiede cura, disciplina, pazienza e una grande perseveranza. Sappi che i risultati arriveranno molto lentamente e solo dopo un grande impegno e un enorme investimento di tempo. Non è una passeggiata.

Se pur sapendo tutto questo sei pronta a metterti in gioco e iniziare, approfitta di questo momento.

Sei già fuori dalla tua zona di comfort, stai già affontando un momento di destabilizzazione mai vissuto prima e iniziare a fare cose fuori dall’ordinario in un momento già di per sé non ordinario non è poi così difficile.

In più, se temi il giudizio degli altri, non c’è momento più opportuno di questo per lanciarsi. Visto che sono tutti impazziti è più facile uscire dalla propria zona di comfort e buttarsi. Fallo adesso! Approfitta ora che sono tutti distratti!

Inizia a progettare il tuo blog attraverso il workbook che ho preparato per te! Scaricalo gratuitamente cliccando sul pulsante:

10 thoughts on “Aprire un blog ai tempi del Coronavirus? 9 motivi per farlo adesso!”

  1. Mi sono ritrovata nelle tue parole: quando ho aperto il mio blog di certo non ero a casa a grattarmi senza sapere cosa fare. Anzi, stavo dando il mio ultimo esame all’università, stavo scrivendo la tesi e nel frattempo stavo pure lavorando. Non so cosa mi ha spinto ad aprirlo perché io ho sempre odiato scrivere ma quell’estate di 5 anni fa stavo facendo un corso sulla comunicazione e in uno di questi questi incontri mi è venuta la voglia di aprire il mio travel blog … l’ho fatto per gioco e sono ancora qua!

    Per me, il mio travel blog è: una valvola di sfogo, chiaccherare sulle mie passioni, conoscere persone nuove, crearmi un cv alternativo e online da mettere accanto al mi classico cv e perché no, un modo per fare personal branding e aiutarmi a trovare un nuovo lavoro!

    1. Sembra paradossale, eppure è così per molti: l’avvio di un blog coincide spesso con un periodo estremamente burrascoso e problematico, però fa davvero bene! Grazie per essere passata e per la tua testimonianza, che è il primo contributo esterno di questo blog!

    2. Ma quanto è vero tutto quello che hai scritto?? Anche per me è stato proprio così. Ho aperto il blog in un momento di profonda crisi emotiva e psichica. Mi ha salvata e continua a farlo. Mi costringe a studiare e a imparare, perché prima di mettermi a raccontare, un po’ di ricerca la devo fare. E anche io proprio in questo periodo di stop forzato mi ci sto dedicando di più, per curarlo ulteriormente. E i frutti arrivano 🙂

      1. Eh sì, è davvero bello quando i frutti del proprio lavoro iniziano ad arrivare. E se non è immediato e non si molla è ancora più gratificante : )

  2. Il blog è un meraviglioso strumento di comunicazione, perfetto per raccontare uno strano e drammatico periodo come questo e anche terapeutico per tensioni e angosce.

  3. Condivido in toto quanto hai scritto. Un blog è tante cose per me tra cui anche un periodo come questo fatto di emozioni contrastanti. Può diventare tante cose: un diario, una valvola di sfogo, una passione, una necessità.

    1. Sì, e magari anche un modo di ritrovare se stessi e la propria direzione nella vita, proprio in un momento in cui a molti il senso delle cose sembra sfuggire…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *